CAIRUS QUAE BABYLON AEGYPTI MAXIMA URBS

Autore e qualifica: anonimo, ma Joris Hoefnagel (1542-1600), pittore di corte di Rodolfo II d'Asburgo, e Frans Hogenberg (1535-90), incisore belga
Titolo: CAIRUS QUAE OLIM BABYLON AEGYPTI MAXIMA URBS
Luogo di pubblicazione: Colonia
Anno: senza data, ma 1575
Tecnica: acquaforte e bulino (copper and burin engraving)
Dimensioni: 40x 54,4 cm
Stato di conservazione: very good. Nice original margins, slightly brown paper, some oxidation stains, beautiful coeval coloring.

Magnifica veduta a volo d'uccello della città del Cairo, lambita dal fiume Nilo e costeggiata dalle celebri piramidi, opulente 
sepolture degli antichi faraoni. In alto a destra la citazione dal De situ orbis  di Pomponio Mela  (notissimo geografo romano
attivo nel I secolo d.c., attratto dai mondi remoti e poco conosciuti), aspra requisitoria contro le pretese dei potenti di eternare la propria memoria mediante l'ostentazione delle ricchezze, "cum tamen nullius rei fama sit in mundo tenuior".  
In basso a destra legenda con 17 rimandi ai toponimi riportati in pianta.