DESCRIZION DELLE FESTE FATTE IN FIRENZE PER LA CANONIZZAZIONE DI S.to ANDREA CORSINI.
In Fiorenza nella Stamperia di Zanobi Pignoni con licenza de SS Superiori 1632  

Benedetto Buonmattei (Firenze, 1581 - ivi, 1648). Ecclesiastico versato sia nella matematica che nella grammatica e nelle lettere umane, dottore in teologia, Accademico della Crusca.
Stefano della Bella (Firenze, 1610 - ivi, '64). Figlio di uno scultore, si dedicò all'oreficeria prima di scoprire il disegno e l'incisione. Ammirato e protetto dai Granduchi de'Medici, viaggiò a Roma e Parigi, si recò in Olanda dove acquisì definitivamente un' autonoma cifra stilistica.

Prima edizione, 1632. Manca la legatura originale in tutta pergamena floscia. Esemplari ben conservati ma fortemente rifilati in prossimità delle didascalie, in modo da renderle talvolta illeggibili, appuntati (ma staccabili) su cartoncino color verde senape.

Frontespizio e venti tavole incise all'acquaforte e bulino su carta vergellata
Dim.: frontespizio 16x13,5 cm, le altre all'incirca 10,5x11 cm.


Il nobile fiorentino Andrea Corsini, nato nel 1301, dopo una vita di dissolutezze divenne frate carmelitano, in seguito vescovo di Fiesole e legato pontificio. Morì nel 1374, fu beatificato nel 1440 da Eugenio IV e la sua canonizzazione, a opera di Urbano VIII, avvenne nel 1629, ma il dilagare della terribile peste di manzoniana memoria ritardò di tre anni i festeggiamenti.
Le incisioni ripropongono i 20 dipinti con rappresentazioni sceniche di episodi della vita del Santo che furono presentati al popolo durante le cerimonie: ogni tavola presenta un'impresa del santo, inquadrata tra eleganti cartigli, e una didascalia edificante.