Magnifica veduta acquerellata della città di Modon (Methoni), ex comune della Grecia sulla costa ionica del Peloponneso; terra di conquista da sempre in virtù della sua posizione strategica all'imbocco dell'Adriatico, al punto che i Veneziani la soprannominarono "Venetiarum Ocellae" (ocellae=vezzeggiativo di oculi).

Bellissima la pagina di storia che la vede sempre in bilico nell'aspra contesa tra veneziani e turchi: con la guerra di Morea (1684-99) la Serenissima, cinta d'assedio la città con Francesco Morosini, costrinse i turchi a capitolare (era il 20 agosto 1686): gli abitanti sopravvissuti, circa quattromila, fuggirono, e i veneziani si impadronirono di tutto.
L'effimera riconquista, sancita dalla Pace di Carlowitz nel 1699, fu vendicata dai turchi pochi anni dopo, nel 1715, e la città divenne ufficialmente di loro proprietà con la Pace di Passarowitz (1718).

1575. Acquaforte e bulino (copper and burin engraving)

Dim.: 18x50 cm